i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint
mercipericolose.it
il modo più sicuro per conoscere il mondo
delle merci pericolose

Il 3 ottobre scorso l'Agenzia europea sulle sostanze chimiche (ECHA) ha pubblicato le nuove statistiche sulle registrazioni REACH (aggiornate al 31 agosto 2012) al fine di rispondere alle richieste di informazioni ricevute dai soggetti interessati (stakeholders) in merito allo stato di avanzamento di tale processo normativo, in piena coerenza con la politica del miglioramento della trasparenza nei rapporti col pubblico da parte dell'Agenzia.

I dati inclusi nello studio statistico dell'Agenzia comprendono:
  • il numero complessivo di dossier e di sostanze registrate ("phase-in" e "non phase-in");
  • il numero di sostanze notificate alle autorità competenti degli Stati membri nel corso del precedente legislazione europea sulle sostanze chimiche (direttiva 67/548/CEE) e il loro attuale stato sotto REACH;
  • • il numero di registrazioni differenziato per:
    - tipo di registrazione (registrazione completa o per intermedio isolato utilizzato in condizioni strettamente controllate );
    - trasmissioni comuni ("joint submission") e presentazioni individuali;
    - dimensioni delle aziende registranti;
    - ruolo delle aziende nella catena di fornitura (fabbricante o importatore);
    -paesi UE/EEA.
  • le sostanze più frequentemente registrate;
  • le sostanze registrate in base alla fascia di tonnellaggio.
Lo studio è liberamente consultabile sul sito dell'ECHA.

Le cifre globali pubblicate dall'Agenzia, relative alla totalità dei paesi UE/EEA soggetti alle prescrizioni del regolamento REACH, sono proposte nelle seguenti tabelle:

 

Tabella 1. Dossiers REACH in UE/EEA (registrazioni presentate dalle aziende dal 1°giugno 2008 – esclusi i NONS)

 

          Registrazioni         Sostanze
TOTALE 27321 4632
phase-in 25835 3924
non phase-in                  
1486 708

 

 

Tabella 2. Sostanze notificate ai sensi della direttiva 67/548/CEE (NONS) in UE/EEA

 

       Registrazioni          Sostanze
(a) Numero di Notifiche NONS 9962 5292
(b) Numero di Notifiche NONS
per le quali è stato richiesto
il numero di resistrazione REACH
5072 3701
(c) Numero di Notifiche NONS
per le quali è stato effettuato
un aggiornamento ai sensi di REACH
1453 1289

 

Lo studio statistico condotto da ECHA ha inoltre incluso nel sommario la tabella relativa ai dossier e alle sostanze per singola nazione, che vede l'Italia collocarsi al 6° posto tra tutti i paesi dell'UE/EEA soggetti alle prescrizioni del regolamento REACH per quanto concerne il numero di dossier di registrazione presentati a ECHA dal 1°giugno 2008 ad oggi.
Il nostro paese conta nello specifico 1995 registrazioni REACH, per un numero complessivo di sostanze "coperte" pari a 932 (escludendo le notifiche NONS).
La sezione dello studio statistico ECHA relativo all'Italia fornisce complessivamente i seguenti dati:

 

Tabella 3. Dossiers REACH provenienti dall'Italia (registrazioni presentate dalle aziende dal 1°giugno 2008 – esclusi i NONS)

 

      Registrazioni         % UE/EEA    Sostanze    % EU/EEA
TOTALE ITALIA     1195 7,30% 932 20.12%
phase-in 1884 7,29% 881 22,45%
non phase-in 111 7,47% 51 7,2%

 

 

Tabella 4. Sostanze notificate ai sensi della direttiva 67/548/CEE (NONS) in Italia

 

     Registrazioni     % UE/EEA     Sostanze     % EU/EEA
(a) Numero di notifiche NONS 855 8,58% 587 11,09%
(b) Numero di notifiche NONS
per le quali è stato richiesto
il numero di registrazione REACH
489 9,64% 397 10.73%
(c) Numero di notifiche NONS
per le quali stato effettuato
un aggiornamento ai sensi di REACH
77 5,30% 75 5.82%

 

Considerando che il tessuto industriale del nostro paese è costituito principalmente da PMI e che le prossime scadenze di registrazione per le sostanze "phase-in" del 2013 e, soprattutto, del 2018 copriranno le fasce di tonnellaggio inferiori, è presumibile che il trend di registrazioni REACH in Italia andrà a crescere, portandola più in alto in questa particolare graduatoria e, conseguentemente, in linea con i recenti dati che vedono l'industria chimica italiana al terzo posto in Europa.

 

Dott. Iacopo Carlini
(REACH SIEF & IUCLID 5 dossier project Manager)

i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico. + Info