i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint
mercipericolose.it
il modo più sicuro per conoscere il mondo
delle merci pericolose

Al fine di ridurre gli incidenti legati al trasporto di container a bordo delle navi, la Container Owners Association (COA), il Global Shippers Forum, l'International Cargo Handling Co-ordination Association (ICHCA), il TT Club e il World Shipping Council (WSC), coopereranno per produrre nuove linee guida sugli standard di imballaggio per i container e altre unità di trasporto merci; la finalità è quella di adottare ed attuare pratiche di sicurezza lungo tutta la catena di fornitura globale.


Il Codice IMO / ILO / UNECE “for practice and packing of Cargo Tranport Unit” (“Codice CTU”), già definisce, al capitolo 4, i ruoli e le responsabilità delle parti nella catena di approvvigionamento dei container per l'imballaggio, la movimentazione, lo stivaggio e il trasporto sicuri dei container e la corretta segnalazione dei loro pesi effettivi. Inoltre il codice CTU si occupa delle responsabilità delle parti della catena di approvvigionamento per ridurre al minimo la contaminazione visibile da parassiti dai container e dai loro carichi.


Le cinque organizzazioni sopraccitate hanno da ultimo pubblicato una “Guida Rapida” al Codice CTU delineando una lista di azioni di controllo e di responsabilità per la guida di coloro che effettuano l'imballaggio dei carichi nei container al fine anche di promuovere, fra gli operatori, la consapevolezza nonché l'utilizzo generalizzato del codice di condotta.


Infatti, una conformità coerente e diffusa al codice CTU da parte di tutte le parti all'interno delle catene di approvvigionamento globali è in grado di ridurre questi tipi di incidenti.


Per fare ciò, le organizzazioni hanno identificato quattro aree di attività per implementare gli strumenti al fine di ridurre incidenti. Queste sono:

  • promuovere la consapevolezza e l'adozione del Codice CTU;
  • migliorarne la chiarezza, l'applicazione, l'implementazione e l'applicazione della normativa di settore;
  • monitoraggio delle prestazioni di imballaggio del CTU attraverso il supporto per processi di screening del carico rafforzati;
  • collaborare con altre parti interessate dell'industria e del governo per promuovere la consapevolezza e una migliore comprensione dell'imballaggio e della movimentazione sicuri del carico.

 

L'obiettivo è dunque che il Codice CTU sia accessibile al maggior numero possibile di operatori al fine di consentire la sua applicazione in base alle esigenze di ogni singolo settore.
Le attività sopra indicate possono anche supportare e potenziare i programmi di ispezione dei container fondamentali per migliorare le buone pratiche e comprendere come funzionano effettivamente le normative.

.
Ulteriore obiettivo è quindi partecipare alla revisione in corso della circolare IMO per quanto riguarda i programmi di ispezione dei container e supportare le iniziative di screening del carico del settore correlate.

 

 

Studio Legale Mordiglia

70SLM

i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint

Informiamo che è stata modificata la nostra privacy policy a seguito dell'entrata in vigore del Reg. UE 679/2016 (GDPR), la preghiamo di prenderne visione al link http://www.flashpointsrl.com/disclaimer . Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico. + Info