i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint
mercipericolose.it
il modo più sicuro per conoscere il mondo
delle merci pericolose
REACH: Pillole di speculazione

Dall’entrata in vigore del REACH è ormai trascorso oltre un anno e, nonostante la scarsissima divulgazione di informazioni sul Regolamento, di fatto siamo entrati nella fase attuativa.
Proprio in questo periodo abbiamo la conferma che il Regolamento tecnico scritto sulla carta possa diventare un nuovo Regolamento commerciale per alterare in modo irreversibile il mercato delle sostanze chimiche nell’Unione Europea.
Da un sondaggio operato sul mercato sui prezzi delle più comuni materie prime per la formulazione di detergenti, apprendiamo con sconcerto che negli ultimi 30 giorni i prezzi sono lievitati dal 40% al 200%. La constatazione è quanto meno preoccupante considerato che le sostanze oggetto degli aumenti sono molto comuni ed è possibile l’approvigionamento da numerosissimi fornitori.
Le sostanze interessate dagli aumenti di prezzo (acido fosforico, acido solforico, acido solfammico, soda caustica, ecc.) sono soggette a regime transitorio (phase-in) e quindi anche per grandi fabbricanti/importatori la scadenza per la registrazione è al 30 novembre 2010!
L’impegno economico sarà perciò massimo per i registranti verso tale scadenza, sia come costi dei test da effettuare o da acquistare che come tasse di registrazione da pagare all’ ECHA.
Alla luce della repentina e imprevista impennata dei prezzi a fronte di una scadenza relativamente lontana e al numero consistente di fornitori comunitari per tali sostanze, mi domando chi debba vigilare per impedire che soprattutto le PMI si trovino fuori mercato sui prodotti finiti o comunque nella difficoltà di motivare alla propria clientela aumenti di prezzo di tale portata..
E’ forse possibile che i soggetti obbligati alla registrazione delle sostanze vogliano accumulare un “tesoretto” nel periodo che ci separa dalla scadenza per coprire i costi della registrazione?
D’altra parte, oltre alle eventuali speculazioni, si deve tener conto anche del grado di reperibilità delle sostanze sul mercato mondiale; come esempio segnalo che la produzione di acido fosforico è stata interrotta temporaneamente nello stabilimento del maggior fabbricante cinese in occasione delle Olimpiadi di Pechino.
Tutti coloro che desiderano comunicarmi la loro posizione su questo argomento possono scrivermi a scibilia@flashpointsrl.com.


Dott. Gabriele Scibilia

i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico. + Info