i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint
mercipericolose.it
il modo più sicuro per conoscere il mondo
delle merci pericolose

Tariffe ridotte per le sostanze delle PMI

In questo numero voglio segnalarVi con soddisfazione che la Commissione Europea sta adottando ulteriori misure per facilitare l'attuazione dei nuovi regolamenti comunitari in materia di sostanze chimiche presso le PMI e per ridurre i relativi costi. E' stato pubblicato in data 22 maggio 2010 sulla G.U.U.E. il Regolamento n.440/2010 che fissa le tariffe da pagare all'Agenzia europea (ECHA) in relazione alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele (Regolamento CLP). Nel regolamento sono state previste riduzioni specifiche per le PMI:
-  il 90% per le micro imprese,
-  il 60% per le piccole imprese, e
-  il 30% per le imprese di medie dimensioni.

Tali riduzioni si applicano quando un'impresa richiede di utilizzare un nome alternativo per una sostanza oppure propone l'armonizzazione della classificazione e dell'etichettatura di una sostanza. L'impresa potrà utilizzare il nuovo nome alternativo in un massimo di cinque miscele ed eventualmente, con un supplemento minimo di tariffa, per ulteriori dieci miscele.

In particolare segnalo che il Vicepresidente della Commissione Europea Antonio Tajani, commissario per l'industria e l'imprenditoria, ha dichiarato:
"Questa è stata una priorità per me fin dall'inizio del mio mandato. Ora, con significative riduzioni fino al 90% per le piccole imprese del settore chimico faremo in modo che continuino ad essere competitive. Con i regolamenti REACH e CLP abbiamo gettato le basi per un sistema legislativo moderno, che crea anche nuove opportunità per le imprese ".

Segnalo infine che, oltre alle agevolazioni suddette, le PMI possono avvalersi di:
- Linee guida tecniche in 22 lingue (quelle disponibili, al momento, nella sola lingua inglese sono in corso di traduzione); in particolare la Commissione pubblicherà a breve la linea guida sull'autorizzazione delle sostanze nelle 22 lingue.

- Helpdesks nazionali che operano in tutti gli Stati membri per ottenere assistenza sull'applicazione dei regolamenti REACH e CLP; in particolare il Vicepresidente Tajani ha esortato gli Stati membri ad accertarsi che gli helpdesks abbiano personale adeguato per soddisfare le crescenti esigenze delle imprese europee in vista delle scadenze imminenti.


Dott. Gabriele Scibilia,
docente di REACH (Facoltà di Farmacia - Università di Pisa)
i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico. + Info