i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint
mercipericolose.it
il modo più sicuro per conoscere il mondo
delle merci pericolose
In base alle disposizioni contenute nel Regolamento n. 1907/2006 (REACH) l'importatore è il diretto responsabile dell'immissione sul mercato UE di articoli conformi alla norma sopraindicata salvo il caso in cui il produttore extracomunitario abbia nominato un suo Rappresentante esclusivo nell'Unione Europea (c.d. Only Representative).
Pertanto l'importatore, ammesso e non concesso che conosca la composizione chimica dell'articolo, deve ottemperare agli obblighi previsti da REACH concernenti:
  • la registrazione delle sostanze rilasciate dall'articolo in condizioni d'uso normali o ragionevolmente prevedibili (vedi art. 7 par. 1);
  • la notifica delle sostanze SVHC (vedi art. 7 par. 2);
  • la comunicazione delle informazioni concernenti le sostanze SVHC ai destinatari dell'articolo (vedi art. 33);
  • le restrizioni applicabili alle sostanze contenute nell'articolo (vedi art. 67).
In particolare evidenzio che l'importazione di un articolo da Paesi extracomunitari può determinare, all'insaputa dell'importatore, un'infrazione all'art. 67 di REACH a fronte del contenuto di una sostanza inclusa nell'Allegato XVII e quindi sottoposta ad un regime di restrizione all'immissione sul mercato e all'uso.
A tale proposito segnalo che l'assenza del nichel, o comunque il suo contenuto al di sotto di un limite di soglia, negli articoli destinati ad entrare in contatto con il corpo umano (orecchini, collane, bracciali, ecc.) rappresenta una delle disposizioni di REACH più conosciute dai consumatori
comunitari a causa dell'impatto emotivo suscitato dalle reazioni allergiche provocate dalla cessione del metallo dagli articoli.
Ricordo che la restrizione sul nichel, contenuta nella voce 27 dell'Allegato XVII di REACH, era già prevista dalla dodicesima modifica della direttiva 76/769/CEE (direttiva 94/27/CE).
Nonostante la restrizione in questione sia "consolidata" è comunque ancora possibile (ahimè!) che produttori extracomunitari forniscano articoli contenenti nichel e soprattutto fuori dai limiti imposti dall'Allegato XVII di REACH.
Si veda sul tema il ritiro volontario dal mercato tedesco di un articolo metallico da parte dell'"ignaro" importatore nella settimana n.40 (3-9 ottobre 2011):
http://ec.europa.eu/consumers/dyna/rapex/create_rapex.cfm?rx_id=402
Dott. Gabriele Scibilia
Docente di REACH (Facoltà di Farmacia - Università di Pisa)
i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico. + Info