i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint
mercipericolose.it
il modo più sicuro per conoscere il mondo
delle merci pericolose

Ricordate la puntata del 17 aprile 2009 di "Mi manda Raitre" in cui fece scalpore la notizia:
Compra un paio di scarpe in un negozio e, dopo averle indossate, si ritrova con un ustione di secondo grado ai piedi. Sotto accusa le calzature di produzione cinese e una sostanza pericolosa: il dimetilfumarato. (http://www.rai.tv)

Il dimetilfumarato era una sostanza con azione biocida che contrastava efficacemente l'azione di muffe che deterioravano la pelle di mobili o di calzature durante lo stoccaggio o il trasporto in un clima umido. Nella maggior parte dei casi il dimetilfumarato era contenuto in piccoli sacchetti fissati all'interno dei mobili o inseriti nelle scatole delle calzature. Evaporando impregnava il prodotto e lo proteggeva dalle muffe.

Purtroppo la sostanza in questione, a contatto con la cute dei consumatori, poteva provocare sensibilizzazione (dermatite da contatto) e disturbi respiratori acuti. In particolare si segnalava che la dermatite prodotta era particolarmente difficile da trattare e che la sensibilizzazione era praticamente irreversibile.

A tale proposito, a fronte dei numerosi casi di danni alla salute dei consumatori europei e le conseguenti notifiche delle Autorità degli Stati membri (Francia, Polonia, Finlandia, Svezia e Regno Unito) al sistema di informazione rapida RAPEX, la Commissione Europea era già intervenuta pubblicando nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea la Decisione 2009/251/C del 17 marzo 2009 in cui, a partire dal 1° maggio 2009, si disponeva:

  • il divieto di immissione o messa a disposizione sul mercato di prodotti contenenti DMF;
  • il ritiro dal mercato dei prodotti contenenti DMF già immessi o messi a disposizione sul mercato e l'effettuazione del richiamo presso i consumatori.
Le disposizioni contenute nella sopraindicata Decisione erano state poi prorogate con la Decisione 2010/153/UE della Commissione, la Decisione 2011/135/UE della Commissione e la Decisione di esecuzione 2012/48/UE della Commissione.


Finalmente, a completamento dell'iter normativo relativo ad una sostanza per cui si individuano delle restrizioni all'immissione sul mercato, il dimetilfumarato è stato incluso in Allegato XVII del Regolamento REACH per effetto della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea serie L128 del 16 maggio 2012 del Regolamento n. 412/2012 della Commissione del 15 maggio 2012. Il Regolamento prevede l'aggiunta della voce 61 all'Allegato XVII di REACH ed in particolare dispone che:

  • il dimetilfumarato non può essere utilizzato in articoli o loro parti in concentrazioni superiori a 0,1 mg/kg, e che
  • non possono essere commercializzati articoli o loro parti contenenti dimetilfumarato in concentrazioni superiori 0,1 mg/kg.

 

Dott. Gabriele Scibilia
Docente di REACH (Facoltà di Farmacia - Università di Pisa)

i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico. + Info