i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint
mercipericolose.it
il modo più sicuro per conoscere il mondo
delle merci pericolose

Facendo seguito al webinar che ho tenuto il giorno 10 u.s. sulle principali normative statunitensi concernenti i chemicals ed in particolare le seguenti:

  • Toxic Substances Control Act (TSCA), e
  • Hazard Communication Standard (HCS) 2012,

evidenzio un aspetto critico che caratterizza le esportazioni di prodotti chimici negli U.S.A., non tanto dal punto di vista regolatorio, considerato che la responsabilità della piena osservanza delle disposizioni contenute nei due corpi normativi sopraindicati ricade sull’importatore basato nel territorio degli U.S.A., ma piuttosto dal punto di vista legale e commerciale.

 

Infatti, l’importatore statunitense richiede normalmente la sottoscrizione di un “agreement internazionale” in cui l’esportatore italiano si prende la responsabilità di garantire la piena osservanza di TSCA e HCS 2012 per un prodotto chimico spedito negli U.S.A. nonché di stipulare una polizza assicurativa, con un congruo massimale, che copra adeguatamente i sinistri generati dagli eventuali difetti del prodotto distribuito ed utilizzato negli Stati Uniti.
E’ chiaro che se l’impiegato dell’ufficio Export sottoscrive l’agreement senza cognizione di causa e quindi senza verificare, in base alla composizione quali-quantitativa del prodotto, la piena osservanza delle disposizioni generali e particolari delle norme suddette l’azienda esportatrice potrebbe incorrere in una richiesta danni (il c.d. claim, procedura di estrema attualità negli U.S.A.) per il prodotto non conforme acquistato dall’Italia.
In questo malaugurato caso, a fronte di una richiesta esorbitante rispetto al business prodotto negli U.S.A. e per mancata copertura della polizza assicurativa o per copertura efficace ma con massimale non congruo, l’azienda esportatrice italiana dovrebbe affrontare un contenzioso che potrebbe mettere a rischio la stessa esistenza dell’impresa.

 

Ancora una volta ribadisco che, sia per le norme regolatorie dell’Unione Europea che per le norme regolatorie locali nei Paesi extra UE, tutti coloro che gestiscono il business, la sottoscrizione di agreement, la redazione di documentazione tecnica, ecc. devono interagire efficacemente tra di loro e condividere le rispettive conoscenze per evitare brutte, bruttissime sorprese per l’azienda nella quale sono impiegati!

 

 

Dott. Gabriele Scibilia

i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico. + Info