i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint
mercipericolose.it
il modo più sicuro per conoscere il mondo
delle merci pericolose

La citazione della popolare frase dell’Amleto di Shakespeare è quanto mai appropriata per la situazione venutasi a creare nel Regno Unito.

 

Dopo che un vizio di forma ha impedito la nuova votazione sull’accordo tra Regno Unito ed Unione Europea sulla Brexit (“deal”) il 21 Ottobre u.s., il governo britannico sta correndo contro il tempo per approvare le leggi per l’attuazione dell’uscita dall’UE e quindi riproporre la votazione dell’accordo.
Le opzioni possibili sono le seguenti:

  • Deal
  • Rinvio dell’uscita dall’UE
  • No deal

tuttavia il tempo stringe e lo spettro di un mancato accordo (“no deal”) incombe sulle imprese basate in UE e nel Regno Unito.

 

A questo proposito segnalo a tutti gli addetti ai lavori regolatori che l’Health and Safety Executive (HSE) ha pubblicato dei contributi utili per la gestione dei regolamenti REACH, CLP, BPR, PIC, ecc. nel caso di un “no deal”: https://www.hse.gov.uk/brexit/brexit-no-deal-guidance.htm

 

In particolare per gli effetti sui regolamenti REACH e CLP segnalo le seguenti pagine web in cui si possono trovare maggiori informazioni:
https://www.hse.gov.uk/brexit/clp-no-deal.htm - https://www.hse.gov.uk/brexit/reach.htm

 

In caso di mancato accordo, il regolamento REACH dell'UE e la relativa legislazione saranno introdotti nel diritto britannico dalla legge comunitaria del 2018 con le necessarie modifiche per la piena operatività nel territorio del Regno Unito ed in particolare perché venga mantenuto il principio di “no data no market” e la figura dell’Only Representative.

 

Dopo il China REACH ed il K-REACH avremo con ogni probabilità l’UK REACH.

 

In uno scenario “no deal” l’ECHA e la HSE (l’agenzia delle sostanze chimiche del Regno Unito) opererebbero indipendentemente l'una dall'altra e le imprese che forniscono ed acquistano sostanze, miscele o articoli da e verso l'Unione Europea o lo Spazio Economico Europeo ed il Regno Unito, dovranno assicurarsi che le sostanze, in quanto tali o contenute in una miscela o in un articolo, siano registrate presso entrambe le agenzie (ECHA e HSE) separatamente, da un attore all'interno della propria catena di approvvigionamento, al fine di mantenere o accedere a entrambi i mercati.

 

British people: cross the fingers for deal!

 

Dott. Gabriele Scibilia

i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint

Informiamo che è stata modificata la nostra privacy policy a seguito dell'entrata in vigore del Reg. UE 679/2016 (GDPR), la preghiamo di prenderne visione al link http://www.flashpointsrl.com/disclaimer . Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico. + Info