i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint
mercipericolose.it
il modo più sicuro per conoscere il mondo
delle merci pericolose


Consulenze Ambientali
Le informazioni nel formulario rifiuti: inutili pignolerie del legislatore?
•    Manca il peso presunto del rifiuto in partenza
•    C’è il peso presunto ma non è stata barrata la casella “peso da verificarsi a destino”
•    C’è il peso ma non l’unità di misura (Kg o Litri?)
•    Manca il numero della registrazione corrispondente allo scarico
•    Non è indicato il nome del conducente del mezzo
•    C’è il nome del conducente ma non la targa del mezzo
•    Manca la data di partenza
•    C’è la data partenza ma non quella di emissione del documento
 
A quanti di voi sarà capitato almeno uno di questi errori nella compilazione dei formulari di trasporto dei rifiuti?

Le informazioni richieste dal formulario, spesso viste come inutili pignolerie del legislatore, possono essere determinanti per la completa tracciabilità del trasporto dei rifiuti. Inoltre qualunque incompletezza o inesattezza nel formulario è suscettibile di sanzione e la responsabilità non è attribuita soltanto al trasportatore, ma anche al produttore dei rifiuti, al quale compete la redazione e sottoscrizione del documento di accompagnamento.
 
Ritorniamo dunque sull’argomento, con l’intento di indicare brevemente alcune tra le principali informazioni più frequentemente soggette a inesattezze ed errori.
         
L’indicazione della quantità
La quantità del rifiuto in partenza deve sempre essere indicata, insieme con la propria unità di misura (Kg o litri). Quando l’azienda non ha la possibilità di pesare il rifiuto, può (e deve) inserire un peso presunto che calcolerà con delle stime. Ovviamente la stima è e può essere approssimativa ma è opportuno che sia comunque ragionata. Per capirci non si può pensare di scrivere 50 kg per indicare il peso di 20 mc di rottami ferrosi.
Inoltre nel caso in cui l’azienda non disponga di un sistema di pesatura, deve sempre barrare anche la casella relativa al “Peso da verificarsi a destino”. Nel caso in cui non lo facesse pur non essendo certa del peso indicato, non potrebbe poi giustificare la discrepanza tra il peso iniziale e quello accertato a destino.

L’indicazione dell’ora di inizio del trasporto
La data e l’ora dell’inizio e della fine del trasporto hanno lo scopo di avere informazioni sulla durata del viaggio e sul percorso più breve e vanno, pertanto, sempre indicate. Ricordiamo che se il percorso è diverso dal più breve, va indicato nell’apposito spazio predisposto sul formulario.
 
Il numero del registro
E’ una delle informazioni mancanti più frequenti.
Questo numero è quello proprio del registro del soggetto che è in possesso della copia del formulario di sua competenza. E’ un numero progressivo che individua l'annotazione di scarico relativa ai rifiuti oggetto del trasporto. Produttore, trasportatore e destinatario dei rifiuti devono sempre apporre il proprio Numero di registro sulla copia del formulario che rimane in loro possesso. I soggetti che non sono obbligati a tenere i registri di carico e scarico devono, invece, riportare tale indicazione nello spazio 'Annotazioni'.
 
La data del formulario
La data di emissione del formulario va sempre indicata e può anche essere diversa dalla data effettiva del trasporto poiché il formulario può essere predisposto in data precedente all’effettivo momento in cui il rifiuto viene consegnato al trasportatore.
 
Le caratteristiche chimico-fisiche
C’è chi scrive “organico”, chi “inorganico”, chi “nessuna”. In realtà questo spazio va compilato solo nel caso di smaltimento in discarica; caso in cui bisogna chiarire e dimostrare il possesso da parte del rifiuto delle caratteristiche necessarie per l’ammissibilità nella corrispondente categoria. In ogni caso le caratteristiche chimico fisiche possono essere sempre indicate allegando un certificato di analisi.
 
La firma
Infine la firma! Il trasportatore compila e la segretaria dell’azienda o il primo operatore al momento disponibile firma. Capiamo che prima di firmare, sono i contratti, gli assegni e le cambiali che interessa leggere con attenzione, ma in realtà, se vogliamo evitare le sanzioni dietro l’angolo (un viaggio su strada può essere più facilmente e probabilmente soggetto a controlli), è importante che, anche nel caso del formulario, si verifichi quanto scritto prima di apporre la firma, visto che questa comporta l'assunzione della responsabilità delle informazioni riportate sia per il produttore che per il trasportatore.


dott.ssa Laura Saviano
dott. Antonello Dimiccoli

Studio Kemis
i professionisti delle merci pericolose a portata di click
a cura di Flashpoint

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico. + Info